Interazione farmaco-cibo

Dic 01, 15 Interazione farmaco-cibo

Quando viene prescritto un farmaco, il paziente dovrebbe essere informato dal medico sulle eventuali interazioni con determinati alimenti, ma questo non sempre accade. Per fornire maggiori informazioni a riguardo, di seguito sono riportati gli alimenti e le bevande che non andrebbero assunte in concomitanza con alcuni farmaci.
Se si assume del paracetamolo, la comune Aspirina, bisogna evitare il consumo di bevande alcoliche, per evitare di causare danni al fegato. Anche per gli Antistaminici vale la stessa regola, ma in questo caso la motivazione è legata al fatto che gli alcolici possono aumentare la sonnolenza causata da questa categoria di farmaci, come accade per Ansiolitici ed Antidepressivi.
Per i soggetti che soffrono di asma ed assumono broncodilatatori, è necessario evitare il consumo di cibi e bevande che contengono caffeina in quanto essi possono aumentare il rischio eccitabilità, nervosismo e tachicardia. Inoltre il consumo di bevande alcoliche aumenta il rischio di nausea, vomito, cefalea e irritabilità.
Chi soffre di patologie cardiache ed assume farmaci ACE-inibitori oppure alcuni tipi di diuretici, deve evitare di consumare grandi quantità di alimenti ricchi di potassio (es.: verdure a foglia verde, patate, banane, arance, integratori di potassio e sostituti del sale che contengono potassio); infatti questi farmaci possono aumentare la quantità di potassio nell’organismo e se si assumono cibi che ne contengono, c’è la possibilità che si verifichino alterazioni del battito cardiaco, come palpitazioni.
Evitare la liquirizia, alimenti ricchi di fibre e integratori di iperico e senna, invece, in coloro che assumono Glicosidi. L’assunzione di liquirizia può causare aritmia cardiaca e infarto.
Succo di pompelmo in soggetti che assumono Statine? Sì, ma non bisogna superare 1 bicchiere al giorno, visto che grandi quantità possono aumentare i livelli di questo farmaco in circolo, generando il rischio di effetti collaterali. Evitare anche il consumo di bevande alcoliche.
In pazienti che assumono Anticoagulanti, si raccomanda di seguire una dieta equilibrata, senza eccedere con alimenti contenenti un alto contenuto di vitamina K (broccoli, cavoli, spinaci, cime di rapa e cavoletti di Bruxelles). Evitare anche il consumo di succo di mirtillo o di prodotti a base di mirtillo. Inoltre evitare il consumo di aglio, zenzero, glucosamina, ginseng, ginkgo perché possono aumentare il rischio di sanguinamento.
Per soggetti che fanno uso di Ormoni tiroidei, informare il medico se si consumano soia, noci e fibre nella dieta, in quanto può essere necessario modificare la dose del farmaco.
Quando si assumono, invece, degli antibiotici come le Tetracicline, evitare i latticini (latte, formaggio, yogurt, gelati) 1 ora prima e 2 ore dopo l’assunzione.

Dott.ssa Assunta Petrazzuolo

Biologa Nutrizionista


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /membri/alimentazionestrategicab/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273