5 falsi miti sull’alimentazione

Giu 29, 15 5 falsi miti sull’alimentazione

Oggigiorno il tema “alimentazione” è sulla bocca di tutti… Non c’è posto in cui non vada che non ci sia un gruppo di donne che parla di diete e trucchi per perdere peso. I mass media ci bombardano di informazioni talvolta anche sbagliate per il gusto di fare notizia … Poi mi ritrovo in studio con pazienti che cercano conferma in ciò che hanno sentito.
Ecco alcune domande le cui risposte spiegheranno che molti miti sono da sfatare:

1. La frutta dopo i pasti fa ingrassare?
A questa domanda generalmente rispondo di provare a dare della frutta dopo i pasti ad una persona normopeso e vedere cosa succede… Ovvio che questa persona non ingrasserà! La frutta dopo i pasti, solo in soggetti che soffrono di meteorismo, crea gonfiore intestinale e non aumento di peso, però è certo che non bisogna esagerare. Bastano 500 g di frutta al giorno per una giusta dose di vitamine, minerali, antiossidanti e acqua… Ovviamente in abbinamento ad una buona idratazione e ad un’alimentazione varia e bilanciata, ricca di verdure e ortaggi.

2. Zucchero di canna o zucchero bianco?
La differenza qualitativa tra zucchero bianco e zucchero di canna si evidenza su quantità elevate e non sul cucchiaino utilizzato nel caffè. Comunque entrambi subiscono numerosi trattamenti chimici per cui se si desidera un alimento dolcificante non trattato, meglio utilizzare la stevia oppure del buon miele.

3.L’acqua gassata va bene quando si è a dieta?

E perché non dovrebbe…L’ acqua è priva di calorie, sia essa liscia, gasata, altamente mineralizzata o oligominerale. L’acqua gassata crea anzi una pressione in grado di favorire il transito del cibo dallo stomaco all’intestino. Non importa quale acqua sia, basta bere abbastanza per riuscire a mantenere correttamente idratato il vostro corpo.

4. Se sono a dieta, le banane e la frutta estiva sono vietati vero?
Povere banane…così tanto demonizzate! Sicuramente rappresentano uno dei frutti a più alto indice glicemico, ma non per questo bisogna sostituirle ad una barretta o dei biscotti. Sicuramente sono naturali, senza additivi o conservanti, ricchi di sali minerali e vitamine, per questo possono rientrare, senza temerle, in una sana alimentazione
Si teme sempre che la frutta estiva dal sapore più zuccherino come le pesche, le albicocche, le ciliegie, le prugne, il melone o l’anguria non possano essere consumati per perdere peso, invece non è assolutamente così. Il problema è che essendo molto buona si tende sempre a farne un abuso, e come in ogni cosa, gli eccessi non vanno bene.
Un altro mito da sfatare riguarda i limoni. Vediamo quale:
A tutti i miei pazienti consiglio di bere acqua tiepida con spremuta di limone tutte le mattine e tutti coloro che soffrono di stipsi, mi fanno la stessa domanda:

5. Ma il limone non è astringente?
Il limone ha la caratteristica di avere innumerevole funzioni benefiche, tra cui quella di regolarizzare il transito intestinale. Chi soffre di stitichezza, bevendo acqua tiepida con spremuta di limone , di prima mattina, riuscirà ad essere più regolare nell’ alvo; viceversa in caso di diarrea, il limone ripristina una condizione di equilibro intestinale.
Sempre in merito a tale argomento, ci tenevo a precisare che per i pazienti che soffrono di acidità gastrica, il limone funge da alimento tampone; nonostante il suo sapore acido, esso è un alimento alcalino, che neutralizza l’iperacidità prodotta nello stomaco, per cui è tranquillamente consigliato.

Dott.ssa Assunta Petrazzuolo

Biologa Nutrizionista


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /membri/alimentazionestrategicab/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273